sabato 15 Giugno 24

Capitaneria di Porto Taranto, visita dei rappresentanti della Marshall Island

Nel corso della visita illustrate le attività della Guardia Costiera jonica nella tutela ambientale e nel far rispettare le leggi in materia di sicurezza marittima e portuale

La Capitaneria di porto di Taranto ha ricevuto quest’oggi, la visita di una delegazione dell’Amministrazione marittima della Repubblica di Marshall Island avente sede a Reston in Virginia (USA), costituente il terzo più grande registro marittimo al mondo, dopo Panama e Liberia con le sue oltre 5000 unità mercantili e da diporto tra “bulk carrier”, “oil chemical tanker, “cargo vessel” e “mega yacht” iscritte.

La delegazione formata dal Capitano americano Brian Poskatitis, vice presidente dell’organizzazione e dal Capitano greco Theodore Lasas, “manager” della flotta mercantile battente bandiera “Marshall Island” accompagnati dal Capitano Vincenzo Bellalba, rappresentante italiano di detto Stato di bandiera è stata accolta dal Capitano di Vascello Rosario Meo, Comandante e Capo del Compartimento marittimo del porto di Taranto, assistito dal suo staff.

Nel corso della visita il Comandante Meo ha illustrato i compiti in materia di sicurezza marittima e portuale, di monitoraggio e controllo del traffico mercantile marittimo, svolti dal Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera,

Focus sulle iniziative con le Istituzioni straniere in tema di tutela ambientale e prevenzione dell’inquinamento marino e sull’attività di controllo del naviglio nazionale (“Flag State”) e straniero (“Port State Control”) nello scalo jonico a fronte di un traffico mercantile che solo l’anno scorso ha registrato 506 arrivi.

Da parte della Guardia Costiera jonica infine oltre 100 visite effettuate a bordo di navigli mercantili autorizzati a battere la bandiera nazionale e 70 ispezioni a bordo di un naviglio straniero che ha condotto al fermo amministrativo di 7 unità consentendo alla  stessa Capitaneria di Porto di Taranto di collocarsi tra le Autorità marittime più virtuose in ambito regionale e nazionale nella lotta contro il fenomeno delle navi “carrette”.

Articoli Correlati

D’Amato (Verdi Europei): “Perchè diciamo no ai progetti Tara, Mar Piccolo e Ginosa”

Questa mattina la conferenza stampa dell'europarlamentare tarantina Si è svolta questa mattina, a Taranto, la conferenza stampa dell'europarlamentare Rosa D'Amato (Verdi Europei) che ha dettagliatamente...

“Ambiente Svenduto”, inizia domani il processo d’appello ex Ilva

La procura generale ha chiesto di rappresentare l'accusa agli stessi pubblici ministeri del primo grado Parte domani nell'aula bunker della vecchia sede della Corte d'Appello...