lunedì 22 Luglio 24

Ex Ilva, Arpa Puglia e Spesal Asl allo stabilimento: verifica uso materie plastiche

Da Acciaierie d’Italia: “Avviato processo verso decarbonizzazione e sviluppo economia circolare”

Nella mattina di ieri operatori di Arpa Puglia e Spesal Asl di Taranto sono giunti presso lo stabilimento siderurgico jonico per accertare l’uso di materie plastiche negli altiforni.

“Acciaierie d’Italia – spiegano in una nota dall’azienda – ha indicato che è stato eseguito un test nel luglio 2022, coordinato con il Ministero dell’Ambiente che è stato fisicamente presente sugli impianti al momento della verifica tecnica dell’iniezione di polimeri, end of waste, alle tubiere dell’altoforno AFO4. Tale progetto – aggiungono –  rientra nell’ottica della road map di decarbonizzazione e sviluppo dell’economia circolare, tracciata dal siderurgico, che consentirà un abbattimento nelle emissioni di CO2 all’anno.  Attualmente in corso- concludono –  il processo di richiesta delle necessarie autorizzazioni alle autorità competenti per l’industrializzazione del relativo processo produttivo”.

Nel frattempo vicepresidente del Movimento 5 Stelle Mario Turco ha chiesto in audizione alla Commissione industria del Senato, di accogliere la proposta di legge dei pentastellati contenente la Valutazione Integrata di impatto ambientale e sanitario per “prevenire danni all’ambiente circostante e alla salute”. Una necessità già espressa dalla stessa Arpa Puglia.

“Ribadiamo – ha concluso Turco – la nostra ferma contrarietà alla reintroduzione dello scudo penale in favore del siderurgico di Taranto”.

Articoli Correlati

È vero che il talco provoca il cancro?

di Francesca Leoci A confermare la possibile associazione tra l’utilizzo del prodotto e il tumore alle ovaie è stata la Iarc Sebbene inizialmente sembrasse solo una...

Taranto, sequestrati circa 400 kg di cozze nere

La Polizia di Stato intensifica i controlli nell'ambito del progetto “Estate Sicura 2024” Si intensifica l’attività di controllo nell’ambito del Progetto “Estate Sicura 2024”, come...