martedì 27 Febbraio 24

GdF Taranto, bonus facciate: sequestrati crediti imposta per 750mila euro

Le ipotesi di reato: indebita percezione di erogazioni pubbliche e falsità ideologica

La Guardia di Finanza di Taranto ha  dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo di urgenza, emesso dalla Procura jonica, di crediti di imposta, per circa 750 mila euro, per indebita percezione di erogazioni pubbliche e di falsità ideologica in certificati a carico di tre soggetti. 

L’indagine nasce nel giugno dello scorso anno, e ha visto coinvolte tre persone residenti nel capoluogo di jonico (l’amministratore di un condominio cittadino, il tecnico – progettista dei lavori e il rappresentante legale dell’impresa esecutrice delle opere). Al centro attività di verifica nell’applicazione dell’agevolazione fiscale “bonus facciate”.

Dalle testimonianze oltre che dalla documentazione e relativi sopralluoghi e rilievi fotografici, è emerso che il rappresentante legale del condominio committente dei lavori e il tecnico abilitato avrebbero falsamente attestato l’inizio dei lavori di manutenzione straordinaria il 29 dicembre del 2021, due giorni prima della data di scadenza dei termini previsti per usufruire dell’agevolazione in questione.  

Tali opere sono state invece effettivamente intraprese nel giugno 2022, con la documentazione di spese, pari a circa 793 mila euro, in apparenza di gran lunga superiori ai costi effettivamente sostenuti.  Il contributo dell’imprenditore sarebbe invece stato pari al 10% dell’ammontare delle spese.   

I crediti di imposta, pari a circa 750 mila euro, oggetto di un’imminente cessione all’impresa esecutrice dei lavori, sono stati sequestrati a titolo preventivo. Ai tre notificata un’informazione di garanzia.

 

Articoli Correlati