domenica 14 Luglio 24

Ex Cementir, salta l’incontro in Task Force Lavoro Regione Puglia

Giuseppe Farina, Coordinamento provinciale Lp USB: “Invitiamo ad un percorso concretamente costruttivo”

Si sarebbe dovuto svolgere giovedì 9 febbraio l’incontro in Task Force Lavoro Regione Puglia per discutere della vertenza ex Cementir – Italcementi Taranto.

Tuttavia, già nei giorni scorsi, si preannunciava che il tavolo non sarebbe nato con il migliore degli auspici.

A generare malumori tra i lavoratori iscritti all’ USB, è stata la decisione del Comitato SEPAC di consentire ai rappresentanti dell’organizzazione sindacale la partecipazione solo come uditori.

“A dire del Comitato -scrive Giuseppe Farina, Coordinamento provinciale Lp USB – si tratta di una decisione maturata sulla base dell’insistenza di Italcementi di non confrontarsi con USB, e quindi con i rappresentanti dei lavoratori che non hanno ceduto al ricatto dell’ incentivazione all’ esodo.Gia’ nelle settimane scorse,un altro tavolo è venuto meno per motivi simili.Tutto questo è paradossale! Con quali rappresentanti dei lavoratori si vorrebbe parlare di sviluppi e prospettive?Unicamente con quelli che acconsentono a tutto o è previsto anche un minimo confronto come in tutte le democrazie? Ad oggi, il 99% dei lavoratori che NON hanno dato le loro dimissioni in cambio di un misero incentivo economico e che si oppongono a qualsiasi procedura di licenziamento, sono regolarmente iscritti all’ Unione sindacale di Base.Quindi una rappresentanza accettabile per Italcementi sarebbe quella di lavoratori dimissionari?”.

Secondo Farina, ai lavoratori Cemitaly – Italcementi, già stremati da circa otto anni di cassa integrazione e nessuna prospettiva concreta, “viene fatta tra violenza attraverso questi atteggiamenti posti in essere da Italcementi e non solo, che nulla hanno a che vedere con un percorso a loro tutela. Ma forse a tutelare i dipendenti di cui si vuol liberare Italcementi non ha nessun interesse…Apprendiamo inoltre che l’ azienda snobba pericolosamente l’ incontro che si sarebbe dovuto tenere, dichiarando in sostanza di non avere nuovi elementi significativi da discutere.Allora le tanto pubblicizzate nuove destinazioni di uso? Le dichiarazioni dell’ AD Acciaierie Italia che riguarderebbero il cementificio?Tutte infondate!”.

In definitiva USB invita tutte le parti coinvolte nella vertenza “ad un confronto serio, ad abbandonare i tatticismi (che nulla di buono portano) e da intraprendere un percorso concretamente costruttivo.”

Articoli Correlati