giovedì 23 Maggio 24

Acciaierie d’Italia: “Bassa adesione allo sciopero, nessuno stop al lavoro”

Sull’inquinamento ambientale l’azienda ha dichiarato che “il benzene rilevato dalle centraline è inferiore al valore limite annuale”

Acciaierie d’Italia ha comunicato che nello stabilimento di Taranto non si sono verificate fermate degli impianti produttivi a seguito dello sciopero in atto.

Nel turno della notte, infatti, iniziato alle ore 23 di ieri, l’adesione alla protesta è stata del 2%. Nel turno in corso, iniziato alle ore 7 di oggi, l’adesione allo sciopero si attesta, invece, sul 9%.

Sul fronte dell’inquinamento ambientale, invece, l’azienda ha dichiarato tramite un tweet che dai dati di Arpa Puglia emerge che i livelli registrati dalle centraline di Taranto sono sempre inferiori al valore limite annuale pari a 5 microgrammi/m3 (microgrammi per metro cubo) fissato per la qualità dell’aria dal D.Lgs. 155/2010 in conformità alla normativa comunitaria”.

Lo scorso 5 gennaio la stessa Agenzia per la protezione ambientale della Puglia (Arpa) aveva inviato una nota con la quale chiedeva alla fabbrica di adottare “tutti i possibili interventi correttivi di riduzione delle emissioni di benzene da parte dello stabilimento siderurgico”.

Intanto continua il tavolo di confronto convocato a Roma dal ministro Urso: presenti per Acciaierie d’Italia l’ad Lucia Morselli e il presidente Franco Bernabè, per Invitalia l’ad Bernardo Mattarella, in video collegamento il presidente della Puglia Michele Emiliano, il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci. Per i sindacati, sono presenti i segretari generali di Uilm Rocco Palombella, della Fiom Michele De Palma, della Fim Roberto Benaglia e per Usb Francesco Rizzo.

Articoli Correlati

Ex Ilva, Marescotti: “Una grande sorpresa nel decreto legge”

PeaceLink rivela che si nasconde un finanziamento milionario per lo stabilimento siderurgico “Il decreto legge 15.5.2024 n.63 sembra dedicare le sue attenzioni ai kiwi (articolo...