mercoledì 24 Aprile 24

Fiom Cgil, De Palma: “L’Italia rischia la recessione”

In un’intervista a La Repubblica il segretario generale di Fiom Cgil sottolinea che è necessario intervenire urgentemente su automotive e siderurgia

“L’Italia è sull’orlo del burrone e la politica pare inconsapevole e distratta. Attenzione però, perché l’industria italiana rischia di non essere in transizione, ma in dismissione”.

Così il segretario generale Fiom Cgil, Michele De Palma, ha commentato in un’intervista a La Repubblica l’attuale situazione dell’industria italiana, affermando che “tra chi fa gli straordinari e chi è in cassa integrazione, il rischio di recessione è oggettivo”.

De Palma sottolinea che non è possibile lasciar spazio all’ottimismo se si guarda alle grandi aziende nella siderurgia, nell’automotive e nell’elettrodomestico, così come “ai troppi elementi di fragilità del sistema, dalla chimica di base alle
telecomunicazioni e all’energia”.

Per il segretario generale dei metalmeccanici Cgil è necessario un immediato “piano con risorse straordinarie dell’industria collegato al resto d’Europa perché una debolezza ulteriore italiana è non avere sovranità sul servizio o prodotto finale e una dimensione d’impresa troppo spesso piccola”.

A proposito dell’incontro che si terrà al Mimit il prossimo 19 gennaio De Palma afferma che “il tempo degli incontri una tantum è terminato, ora serve un confronto negoziale permanente sull’industria e non solo sulle singole vertenze”.

Così come non si possono fare politiche industriali della mobilità senza contrattare con Stellantis – spiega De Palma – non si può programmare la siderurgia senza Acciaierie d’Italia. Due grandi aziende, con una capacità industriale e occupazionale in piena crisi di volumi e lavoro, ma senza le quali la transizione ecologica e digitale non c’è. Come sono necessari un piano nazionale per la siderurgia e un piano per le aziende dell’automotive, su cui abbiamo un documento condiviso con Federmeccanica”.

Nella visione del sindacato, pertanto, è necessario che il governo stanzi risorse straordinarie per sostenere la contrattazione nazionale e di secondo livello, condizionate a piani di innovazione.

All’attenzione delle imprese, invece, si devono porre essenzialmente quattro punti: salario, occupazione, salute e sicurezza e riduzione dell’orario. “Aggiungo l’Europa – precisa De Palma – più cooperazione, meno competizione e un fondo comune per rispondere al piano Usa”.

Infine, una precisazione sui settori che richiedono interventi più urgenti: “Di sicuro automotive e siderurgia. Ricordo che in Italia abbiamo una capacità produttiva di almeno 1 milione e 800 mila veicoli, ma siamo sotto 500mila. E abbiamo perso oltre 5.000 occupati in due anni solo in Stellantis a cui si aggiungono quelli della componentistica. È urgente un incontro”.

Articoli Correlati

Ex TCT, aperto tavolo permanente al Mit

“Il Ministero sta verificando eventuali residui delle somme impegnate per poter garantire il traghettamento all'approvazione della proroga” “Nell'incontro pomeridiano al Ministero delle Infrastrutture e dei...