giovedì 23 Maggio 24

Indotto ex Ilva: da febbraio 70 nuovi lavoratori presso la ditta Pellegrini

Per i sindacati è un importante risultato, frutto della collaborazione tra sindacati e del confronto con un’azienda seria

“Portiamo a casa, grazie anche alla collaborazione e al lavoro portato avanti fianco a fianco con la UILTuCS Taranto, un importante risultato: la stabilizzazione di 70 lavoratori della ditta Pellegrini, che si occupa di pulizie nell’ambito dello stabilimento siderurgico di Taranto, nonché l’incremento delle ore lavorative settimanali che salgono a 24”. Così in un comunicato gli esponenti di Usb Taranto, Emanuele Palmisano e Federico Cefaliello, e di UILTuCS Taranto, Luigi Galiano.

I lavoratori sono stati dapprima inseriti nel ciclo lavorativo, in piena pandemia, con un contratto a tempo determinato, poi prorogato anche oltre la fase calda dell’emergenza sanitaria, sempre con contratti a termine.

“Oggi siamo lieti di dire che questi lavoratori diventano a tutti gli effetti dipendenti dell’azienda”.

La ditta Pellegrini ha firmato recentemente una proroga dell’appalto con Acciaierie d’Italia, che durerà fino alla primavera. “Ragion per cui, ancora più grande e sentita, è la stima nei confronti di un’azienda con la quale è stato possibile intavolare un dialogo serio e costruttivo che ha portato ad un risultato concreto come quello dei 70 contratti a tempo indeterminato, e con la quale c’è finanche la possibilità di ragionare su ulteriori 40 assunzioni”. – Sottolineano i rappresentanti delle sigle sindacali –“Un’azienda che non può che essere indicata come esempio e con la quale i sindacati hanno il piacere di confrontarsi, perchè ha saputo raccogliere le istanze delle organizzazioni sindacali, assorbendo le unità lavorative che sono state indispensabili nel periodo della pandemia, e mantenere quindi le promesse”.

Articoli Correlati

Ex Ilva, Marescotti: “Una grande sorpresa nel decreto legge”

PeaceLink rivela che si nasconde un finanziamento milionario per lo stabilimento siderurgico “Il decreto legge 15.5.2024 n.63 sembra dedicare le sue attenzioni ai kiwi (articolo...