domenica 14 Luglio 24

Corsi formazione Ilva in As: l’accordo tra Usb Taranto e Sepac

Atteso per settembre il nuovo avviso dopo l’incontro di ieri: focus sulla specializzazione ecologica

Dopo la richiesta dell’Usb Taranto, ieri pomeriggio si è tenuto l’incontro con il Comitato di Monitoraggio del Sistema Economico Produttivo ed Aree di Crisi (Sepac), in cui erano presenti per la sigla sindacale Michele Altamura, Giuseppe Farina e Alessandro Semeraro.

Durante l’incontro, è stato annunciato che verranno predisposti nuovi corsi di formazione mirati ad accrescere le competenze dei lavoratori Ilva in As, attualmente in cassa integrazione dall’autunno 2018. È in fase di preparazione un nuovo avviso della durata di circa 24 mesi, per il quale sono disponibili risorse per 20 milioni di euro.

“Le richieste dell’Usb partono dalla presa d’atto del fatto che i corsi di riqualificazione dello scorso anno hanno rappresentato un successo; agli stessi hanno partecipato 600 lavoratori Ilva in As e in tutto circa 1300 lavoratori, tra i quali anche coloro che operano nell’appalto”, fa sapere il sindacato.

L’Usb ha chiesto l’aumento dell’indennità, attualmente ferma a 6 euro all’ora, e l’incremento delle ore complessive da 210 a 400. Inoltre, è stata richiesta una diversificazione dei cataloghi formativi, con un focus sulla specializzazione in ambiti come la transizione ecologica, nonché l’allargamento dei corsi ai lavoratori in cassa integrazione a zero ore.

L’assessore regionale Sebastiano Leo ha mostrato grande disponibilità a considerare le proposte dell’Unione sindacale di Base, la quale ringrazia l’assessore e il Sepac attendendo settembre, “mese entro il quale ci verrà presentata la bozza dell’avviso.”

Articoli Correlati