sabato 15 Giugno 24

Ex Ilva, Melucci: “Il ministro Urso ci dica cosa ne è stato dell’accordo di programma”

Il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, attacca il Governo Meloni: “In poco meno di un anno record vergognoso di obiettivi mancati per la nostra città”

“La città di Taranto e ogni contribuente italiano meritano di sapere subito dal ministro Adolfo Urso cosa ne è stato delle ingenti risorse pubbliche impegnate quest’anno per Acciaierie d’Italia e che avrebbero dovuto sostenere l’aumento di quote e di controllo da parte dello Stato nello stabilimento siderurgico ionico. Ci dica, infatti, a cosa è dovuta questa improvvisa accondiscendenza verso l’atteggiamento di un privato come ArcelorMittal, che ha dimostrato sin qui di essere interessato solo a speculare sull’acciaio italiano, che solo altrove sta investendo nella transizione tecnologica, che continuamente crea danni incalcolabili al sistema economico, al mondo del lavoro e alla qualità della vita tarantini”.

Con queste parole il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, interviene sulla drmmatica situazione in cui versa la fabbrica siderurgica tarantina, a poca distanza dallo sciopero di 24 ore indetto dalle sigle sindacali e dall’incontro svoltosi a Palazzo Chigi tra la delegazione governativa e le rappresentanze nazionali dei sindacati metalmeccanici.

“Viene da ridere amaramente – commenta Melucci – quando si pensi che per vicende utili al ristoro e ad un futuro alternativo della città di Taranto, per esempio i Giochi del Mediterraneo, ancora non si vedono all’orizzonte le risorse autorizzate, né l’adeguamento della provvista promesso dal suo collega di Governo, Raffaele Fitto”.

“E in ultimo – continua il primo cittadino – ma forse si tratta dell’argomento più importante di tutti, il ministro Urso deve cortesemente prendersi la responsabilità morale e istituzionale di spiegare chiaramente ai cittadini ionici e pugliesi cosa ne è stato dell’accordo di programma sulla prospettiva dell’ex Ilva, dopo che ce lo aveva garantito, dopo che l’altro suo collega dell’esecutivo nazionale, Gilberto Pichetto Fratin, ha distorto i fondi del Pnrr, dopo che l’Italia è stata già condannata dalla Corte europea dei diritti dell’uomo sul punto, dopo le novità normative intervenute in ambito europeo. E si potrebbe continuare con un bel filotto di obiettivi per Taranto già mancati dal Governo Meloni a poco meno di un anno dal suo insediamento, un record vergognoso”.

Articoli Correlati

Puglia, al via la campagna di contrasto agli incendi boschivi

Importante la collaborazione dei cittadini nella tempestiva segnalazione al numero ambientale 1515 Nell'ambito dei compiti istituzionali dei Carabinieri Forestali, ed a seguito dell'accordo sottoscritto con...