lunedì 22 Luglio 24

Manduria, controlli a tappeto della Guardia di Finanza

Nel bilancio delle operazioni svolte, la segnalazione di 9 lavoratori “in nero”, il sequestro di oltre 270mila prodotti potenzialmente dannosi per il consumatore e l’individuazione di una discarica abusiva di materiale edile da risulta

Continuano gli interventi della Guardia di Finanza di Manduria finalizzati a garantire la sicurezza economico-finanziaria del territorio di competenza del Reparto, comprensivo dei comuni di Manduria, Avetrana, Fragagnano, Lizzano, Maruggio, San Marzano di San Giuseppe, Sava e Torricella.

Le attività operative svolte hanno permesso di conseguire significativi risultati nel contrasto all’evasione fiscale e all’economia sommersa, la sicurezza dei prodotti e gli illeciti ambientali.

Per quanto riguarda il primo settore di intervento, i Finanzieri manduriani hanno svolto numerosi controlli a contrasto del gioco illegale, individuando e sottoponendo a sequestro amministrativo, in un bar/caffetteria di Maruggio, una “slot machine” non collegata alla rete dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli. In assenza del previsto collegamento telematico le giocate effettuate attraverso tale apparecchio non sono state rendicontate all’Amministrazione Finanziaria, permettendo al suo titolare di evadere il prelievo unico erariale, imposta che sarà precisamente quantificata al termine di una specifica attività ispettiva.

Nell’ambito della lotta al “lavoro sommerso”, invece, sono stati individuati presso un cantiere edile e un ristorante di Manduria 9 lavoratori “in nero”.

Sul fronte della sicurezza delle merci, presso 3 esercizi commerciali di Manduria, Avetrana e San Marzano di San Giuseppe i militari del Reparto hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro amministrativo oltre 270 mila prodotti, tra i quali articoli per l’igiene personale e cosmetici, in quanto privi delle informazioni previste dal “Codice del Consumo”, che obbliga a segnalare, tra l’altro, l’eventuale presenza di sostanze in grado di causare potenziale danno al consumatore.

Infine, a conclusione di appositi sopralluoghi e appostamenti effettuati anche di notte, la Guardia di Finanza di Manduria ha individuato nel comune di Avetrana un’area di circa 3.500 mq. adibita a discarica abusiva di materiale edile da risulta, quantificato in circa 1,5 tonnellate.

Nei confronti del responsabile dell’illecito ambientale sarà avviata un’attività ispettiva finalizzata alla contestazione del mancato versamento della “ecotassa”.

Articoli Correlati

È vero che il talco provoca il cancro?

di Francesca Leoci A confermare la possibile associazione tra l’utilizzo del prodotto e il tumore alle ovaie è stata la Iarc Sebbene inizialmente sembrasse solo una...

Taranto, sequestrati circa 400 kg di cozze nere

La Polizia di Stato intensifica i controlli nell'ambito del progetto “Estate Sicura 2024” Si intensifica l’attività di controllo nell’ambito del Progetto “Estate Sicura 2024”, come...