sabato 15 Giugno 24

Scudo penale ex Ilva: il mondo ambientalista a Taranto si ricompatta per dire “No”

La prima iniziativa si terrà martedì 17 gennaio alle ore 10 dinanzi alla Prefettura di Taranto

Il mondo ambientalista si ricompatta per dire “No” all’immunità penale in favore dell’ex Ilva reintrodotta dal Governo con il decreto legge del 5 gennaio scorso. Numerose associazioni si sono riunite il 9 gennaio per “concordare una serie di azioni, – si legge in una nota a loro firma – al fine di informare e mobilitare i cittadini sui pericolosi effetti derivanti dall’entrata in vigore dello stesso. L’obiettivo è scongiurare la conversione in legge del decreto che costituisce un colpo mortale per la città ed una grave lesione dell’autonomia della Magistratura”.

Nei prossimi giorni il nuovo coordinamento associativo “si allargherà a tutte le realtà che vedono nel provvedimento normativo un serio e preoccupante pericolo ai danni della salute della popolazione, dell’ambiente e che danneggia gli stessi lavoratori dello stabilimento siderurgico”.

La prima iniziativa si terrà martedì 17 gennaio alle ore 10 dinanzi alla Prefettura di Taranto, dove avrà luogo un presidio durante il quale una delegazione chiederà di essere ricevuta dal Prefetto, al fine di consegnare un documento che motiva l’opposizione al nuovo decreto legge e anche all’ipotesi di nuovo rigassificatore galleggiante; si esprimerà inoltre la richiesta di partecipazione democratica alla progettazione della transizione ecologica per Taranto con i nuovi fondi europei del Just Transition Fund.

“La classe dirigente è chiamata oggi più che mai ad un’assunzione di responsabilità- concludono le associazioni –  la classe politica, in particolare, ad accantonare le posizioni ideologiche e le convenienze della propria parte per perseguire il bene superiore della comunità”.

Tra i firmatari Art. 32 Diritto alla Salute – Statte, Associazione Lovely Taranto, Associazione Pittaggio del Baglio, Comitato di quartiere Tamburi, Donne e futuro per Taranto libera, Europa Verde FGC Taranto, Genitori Tarantini, Giustizia per Taranto, LiberiAmo Taranto, PeaceLink, Tamburi combattenti, Taranto Lider, Taranto Respira e Wwf Taranto.

Articoli Correlati

Puglia, al via la campagna di contrasto agli incendi boschivi

Importante la collaborazione dei cittadini nella tempestiva segnalazione al numero ambientale 1515 Nell'ambito dei compiti istituzionali dei Carabinieri Forestali, ed a seguito dell'accordo sottoscritto con...