lunedì 26 Febbraio 24

Taranto, picchia e sequestra la fidanzata: arrestato 26enne

A seguito di un litigio l’uomo aveva colpito al volto la giovane e le aveva impedito di lasciare la sua abitazione, sequestrandole anche il cellulare. La ragazza è riuscita a scappare mentre il fidanzato dormiva e a tornare a casa, recandosi poi al Pronto soccorso per farsi medicare

Aveva picchiato la sua fidanzata a seguito di un litigio, poi le aveva impedito di lasciare la sua abitazione, sequestrandole anche il cellulare.

Per questi motivi un ragazzo di 26 anni è stato arrestato a Taranto dalla Polizia di Stato.

I poliziotti della Squadra Volante, unitamente alla Squadra Mobile, sono intervenuti presso un’abitazione di Via Gorizia a seguito della segnalazione di un’aggressione ai danni di una donna.

Sul posto, gli agenti hanno ascoltato la sorella della vittima, rincasata a metà mattinata molto agitata e con vistosi lividi sul mento e sul collo, causati – a suo dire – dal fidanzato per un litigio, avvenuto la notte precedente mentre si trovava a casa dell’uomo.

Secondo il racconto della ragazza il 26enne, dopo averla colpita al volto, le avrebbe impedito di lasciare l’abitazione e di usare il cellulare per chiedere aiuto.

La giovane, dopo aver atteso che il fidanzato si addormentasse, è riuscita a scappare ed a tornare a casa.

Mentre una pattuglia della Squadra Volante raggiungeva la donna presso il Pronto Soccorso del SS. Annunziata, dove si era recata per farsi medicare, un’altra pattuglia ha raggiunto il ragazzo presso la sua abitazione e lo ha condotto presso gli Uffici della Questura.

Al termine degli accertamenti il 26enne è stato arrestato per minaccia, sequestro di persona e lesioni personali nei confronti della fidanzata e condotto presso la Casa Circondariale di Taranto, in attesa di sentenza definitiva.

Articoli Correlati

Ex Ilva, Peacelink scrive al Ministro Urso. “Chiediamo coraggio per avviare la riconversione”

“Nessuna ragione storica, industriale ed etica giustifica la decisione di tenere in funzionamento questo impianto industriale”. Riportiamo integralmente la nota “All'attenzione del ministro Urso e...