mercoledì 21 Febbraio 24

Manduria, Coppa Italia. Salvadore: “È il momento di dare tutto”

“Gara impronosticabile, siamo chiamati a fare un’impresa, bisogna giocarla al massimo delle nostre possibilità”

Il “Paolo Poli” è sold out, è il comunicato diramato dal Molfetta per la finale di coppa Italia di ritorno contro il Manduria. Sono attesi quasi 500 tifosi biancoverdi, pronti a gremire la tribuna ospite.

L’andata si è conclusa sullo 0-0, ai messapici servirà vincere o pareggiare con gol. Solo in caso di risultato analogo a quello di gara-1, come previsto dal regolamento, si procederà con i supplementari ed eventualmente i calci di rigore.

Il Manduria è arrivato a Bari Palese nella mattinata di sabato e ha sostenuto la rifinitura nel pomeriggio sul campo comunale di Triggiano. Mister Andrea Salvadore ha provato più soluzioni in vista dell’appuntamento di domenica.

A margine dell’ultimo allenamento, ha presentato la partita attraverso i canali ufficiali biancoverdi. Tre gli indisponibili sicuri: Aquaro, D’Ettorre e Cavaliere. Su Ancora e Marsili, l’allenatore del Manduria non ha dato grosse indicazioni:  “Valuteremo in prossimità della gara”.

Ai messapici la doppia chance di portare a casa la coppa anche con un pari con gol, ma Salvadore ha voluto subito puntualizzare. “E’ impensabile indirizzare la partita su un pareggio, proveremo a fare la nostra gara con intelligenza. Mi aspetto un match aperto, è una finale e sappiamo quanto sia difficile. Loro devono far gol, noi pure. E’ difficile fare calcoli: conta l’approccio, contano gli episodi, contano i dettagli. Dobbiamo avere il piglio giusto, serve concentrazione e cuore in ogni singolo istante. E dobbiamo sfruttare al massimo le caratteristiche dei nostri giocatori”.

Poi ha parlato della condizione fisica e mentale dei suoi calciatori. “In queste partite contano le energie nervose più che la condizione individuale o collettiva. Serve corsa, sacrificio e grande applicazione. Ogni palla giocata può essere determinante. Sappiamo di affrontare una squadra molto forte, dobbiamo essere bravi a leggere i momenti topici della gara. Siamo chiamati a fare un’impresa, ci proveremo. E’ impossibile fare pronostici, questa finale l’abbiamo conquistata e adesso ci meritiamo di giocarla al massimo delle nostre possibilità. Vogliamo regalare un sogno ai tifosi. Dobbiamo dare tutto per loro, solo così saremo contenti di accettare qualsiasi risultato”.

 

Articoli Correlati

Svolta epocale, la Var approda in C

Durante l’Assemblea di Lega Pro svoltasi in mattinata Daniele Sebastiani è stato eletto nuovo Consigliere Federale Svolta clamorosa in Serie C, durante l’Assemblea di Lega...

CJ Basket Taranto, arriva Chiapparini

Novità nel roster rossoblu che saluta Rafael Casanova e firma il giovane play classe 2003 scuola Urania Milano: “Taranto per me grossa opportunità, lotterò...