venerdì 23 Febbraio 24

Ex Ilva, Rizzo e Colautti: “Il Governo provveda a modificare il decreto”

“Da Taranto oggi arriva un messaggio di unità al quale non si può che rispondere in una maniera netta. In caso contrario si va incontro a una bomba sociale”

“In questa giornata usciamo rafforzati dalla consapevolezza che c’è unità attorno al problema”. Lo affermano in una nota Francesco Rizzo e Sasha Colautti dell’esecutivo federale Usb dopo la manifestazione di questa mattina sulla questione dell’ex Ilva.

“Circa 6000 persone questa mattina lungo gli undici km del perimetro attorno allo stabilimento siderurgico, tra lavoratori, imprese e autotrasportatori. Circa 100 i mezzi in corteo. Per strada le ragioni dell’indotto che, abbiamo ribadito insistentemente in questi giorni, è strategico. Il Governo deve prendere atto della manifestazione di oggi e della necessità di salvare l’indotto per salvare i lavoratori tutti, anche i diretti e gli ex Ilva in As”.

Concludono Rizzo e Colautti. “Non ci sono alternative all’emendamento al decreto in via di conversione in questi giorni, che deve prevedere lo spostamento di almeno 150 mln alle aziende dell’appalto per evitare il default, che ricadrebbe sui lavoratori. Da Taranto oggi arriva al Governo un messaggio di unità al quale non si può che rispondere in una maniera netta. Se questo non dovesse accadere, bisogna essere consapevoli che si va incontro al rischio di una bomba sociale”.

Articoli Correlati

Ex Ilva, il commissario Quaranta a Taranto per le prime riunioni

L'incontro con le sigle sindacali è stato fissato per lunedì mattina E' stato fissato per lunedì 26 febbraio l'incontro tra il commissario straordinario di Acciaierie...