venerdì 23 Febbraio 24

Ex Ilva, Pagano (PD): “Al Governo non frega nulla di Taranto, Meloni e Urso genuflessi davanti ad AM”

“I diritti a Taranto vengono calpestati, gli enti locali ignorati, i sindacati zittiti e le imprese dell’indotto lasciate morire”

 “Salvini chiedeva i pieni poteri, la Meloni li esercita. Sull’ennesimo decreto per l’ex Ilva il Governo sbarra le porte a qualsiasi modifica, umiliando persino la sua maggioranza, costretta a bocciare i suoi stessi emendamenti. Un comportamento inaudito e scandaloso, che ancora una volta dimostra il totale cinismo della destra e l’assoluta insofferenza per le legittime rimostranze dei tarantini. I diritti a Taranto vengono ancora una volta calpestati, gli enti locali ignorati, i sindacati zittiti, le imprese dell’indotto lasciate morire. Tutto questo è inaccettabile. Siamo davanti a un atto d’imperio degno delle peggiori dittature, dove il Parlamento è considerato solo un’inutile scocciatura di forma. È chiarissimo che l’unica strategia di Meloni e Urso è accontentare i desiderata di Arcelor Mittal perché Taranto per loro non è una comunità di persone, ma soltanto una fabbrica di acciaio e chissenefrega dei tanti effetti collaterali.” A dichiararlo Ubaldo Pagano, Capogruppo PD In Commissione Bilancio a Montecitorio.

Articoli Correlati

Taranto, Parisi si dimette da vicepresidente della Provincia

Il sindaco di Ginosa lascia l'incarico: "Trasformismo politico e instabilità hanno radicalmente mutato le condizioni che portarono alla mia nomina" "Nella giornata di ieri ho...