lunedì 20 Maggio 24

Casi di pertosse nel Tarantino, l’Asl invita alla vaccinazione

I direttori Colacicco e Minerba hanno lanciato un appello ai genitori, alle donne in gravidanza e ai pazienti considerati “fragili” per patologia o per età avanzata, sottolineando l’importanza della vaccinazione contro questa malattia “benigna” ma altamente contagiosa per tutti e pericolosa per i soggetti fragili e immunodepressi

A seguito di alcuni casi locali segnalati di pertosse sul territorio, si è tenuto stamane un incontro con le redazioni in direzione generale.

Sono intervenuti il direttore generale, Gregorio Colacicco e il direttore sanitario Aldo Minerba; Michele Conversano, direttore del dipartimento di prevenzione; Emilio Stola, direttore di ostetricia e ginecologa del Santissima Annunziata; Valerio Cecinati, direttore di pediatra e oncoematologia pediatrica; Giovanni Buccoliero, direttore di malattie infettive del Moscati e Raffaele Gurrado, pediatra di libera scelta, rappresentante di categoria.

I casi di pertosse evidenziati in Asl Taranto sono quattro, due in età infantile e due in adulti a rischio per fattori concomitanti. I direttori hanno dunque lanciato un appello ai genitori, alle donne in gravidanza e ai pazienti considerati “fragili” per patologia o per età avanzata, sottolineando l’importanza della vaccinazione contro questa malattia “benigna” ma altamente contagiosa per tutti e pericolosa per i soggetti fragili e immunodepressi. In Asl Taranto la copertura vaccinale dei nati ogni anno si aggira intorno al 95%, ma è necessario che si continui a fare sensibilizzazione affinché si raggiunga la cosiddetta immunità di gregge.

La pertosse è una malattia respiratoria grave che può essere particolarmente pericolosa per i neonati e per le persone con sistema immunitario compromesso. Le segnalazioni in provincia evidenziano che il patogeno è presente sul territorio e sta circolando nella popolazione, per cui è necessaria un’azione immediata per prevenire ulteriori trasmissioni e tutelare la salute delle parti più vulnerabili della nostra comunità. La vaccinazione rimane il mezzo più efficace per prevenire la diffusione della pertosse. È particolarmente cruciale che i genitori, i bambini, le donne in gravidanza e i pazienti fragili ricevano il vaccino per creare un ambiente sicuro intorno a sé e ai propri cari, specialmente attorno ai neonati che sono tra i più vulnerabili alle complicazioni della malattia. In particolare, la vaccinazione durante la gravidanza è sicura e fornisce una protezione precoce al neonato, trasferendo anticorpi che possono difendere il bambino nei suoi primi mesi di vita.

Per coloro che hanno sistemi immunitari compromessi o condizioni mediche preesistenti, il vaccino rappresenta un’ancora di salvezza fondamentale per prevenire complicazioni gravi derivanti dalla pertosse. “Tutti i soggetti appartenenti a queste categorie sono vivamente incoraggiati a contattare il centro vaccinale più vicino per ricevere il vaccino contro la pertosse e per le donne in gravidanza non è necessaria la prenotazione” – dichiara Gregorio Colacicco, direttore generale di Asl Taranto – “La salute e il benessere della comunità dipendono dalla responsabilità collettiva e dall’azione individuale. Vaccinarsi oggi significa proteggere se stesse ed è un atto di civiltà verso coloro che non possono sottoporsi a vaccinazione per motivi di salute”. Per maggiori informazioni sulla vaccinazione, è possibile rivolgersi al proprio pediatra o medico di medicina generale e contattare il centro vaccinale più vicino.

Articoli Correlati