giovedì 20 Giugno 24

Palagiano sfida il passato: “Questione di cuore, ma conta solo vincere”

Il coach jonico, emozionato, ritrova la “sua” Taranto ma sogna di apparecchiare una serata da sogno

Questioni di cuore e non solo di campo. Coach Fabio Palagiano e la sua Pink Bari, sbarcano a Taranto e lo fanno per giocarsi senza alcun timore reverenziale un derby che oltre ai classici temi della classifica, mette in palio l’onore. Torna al PalaMazzola, il coach tarantino, ora timoniere della compagine del capoluogo e lo fa con il solo obiettivo di portarsi a casa l’intera posta in palio, come confessato ai taccuini di CosmoPolis.

Il derby non è una partita come le altre, va vinto e basta. Se a questo aggiungi anche le motivazioni che toccano il cuore, l’addizione diventa semplicissima. Giocare contro la squadra della mia città è sempre emozionante – esordisce coach Palagiano -, lo è stato nella partita di andata e sono sicuro che lo sarà anche domani. Mi auguro sia una bella gara, entrambe le formazioni sono reduci da un buon periodo e lo testimonia il fatto di trovarci vicini in classifica, a lottare gomito a gomito per un piazzamento Play Off ed è superfluo rimarcare che daremo tutto, e forse anche di più perché nel nostro percorso queste ultime sfide assumono un valore particolare. Al netto del quoziente di difficoltà di questo derby non vogliamo commettere un passo falso che poi ci obbligherebbe a fare risultato nelle ultime giornate del torneo, siamo concentrati e crediamo di avere tutte le carte in regola per fare bene. I Play Off? Inutile nasconderlo, chiudere da primi ti avvantaggia perché ti permette di giocare in casa gara tre, ma credo che questo sia un discorso che ci sfiori solo da lontano perché in tutta onestà, vedo Trani e Taranto avanti a tutte le altre. Parliamo delle due migliori sino a questo momento, roster importanti, addirittura implementati nel corso della stagione. Bari? Mah, noi vogliamo dar fastidio, vorremmo essere la terza incomoda. È stata una stagione travagliata, condizionata in negativo da una sequela di infortuni, specialmente in questo girone di ritorno, che non ci hanno permesso di esprimerci al meglio. Va ricordato che nel girone d’andata, siamo stati capaci di essere primi, nonostante una concorrenza agguerritissima. Non cerchiamo alibi, anzi posso assicurare che vincere tra mille difficoltà ci esalta ancora di più

Articoli Correlati