venerdì 19 Aprile 24

Taranto, i controlli della Polizia di Stato per le festività pasquali

Gli agenti hanno presidiato l’intera provincia ionica con particolare attenzione alle zone dove è stato maggiore l’afflusso di vacanzieri e turisti

Importante il dispositivo di sicurezza messo in campo in occasione delle festività pasquali dello scorso week-end da parte della Polizia di Stato che, secondo quanto definito il sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza, tenuto dal Prefetto di Taranto Paola Dessì, e di concerto con le altre Forze dell’Ordine e le Polizie Locali, ha presidiato l’intera provincia ionica, con particolare attenzione alle zone dove maggiore è stato l’afflusso di turisti e di vacanzieri.

Le aree del Litorale sono state presidiate da equipaggi della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e dalle Polizie Locali dei Comuni costieri, nonché dai Commissariati di Martina Franca e di Grottaglie e dalle Compagnie Carabinieri competenti per territorio per i Comuni della valle d’Itria.

Nell’intero fine settimana negli 85 posti di controllo effettuati 1.753 sono state le persone identificate, 997 i mezzi controllati. L’attività dei poliziotti impegnati nei posti di controllo è stata rivolta al rispetto delle norme del codice stradale con particolare attenzione all’uso dei caschi per i motociclisti, all’uso delle cinture di sicurezza e in particolare nelle ore serali alla guida in stato di ebbrezza alcolica o sotto l’effetto di sostanza stupefacenti .

175 sono state le sanzioni per la violazione alla Codice della Strada, con il sequestro amministrativo di 13 mezzi privi della prevista assicurazione e 7 senza la periodica revisione, maggior parte delle quali sono state elevate lungo la litoranea salentina che  come di consueto ha registrato il maggior afflusso di turisti che hanno affollato  i numerosi locali di intrattenimento sin dal primo pomeriggio e fino a tarda sera. Tra questi 9 sono stati trovati in possesso di modiche quantità di hashish e sono stati segnalati all’Autorità competenti.

Articoli Correlati