giovedì 20 Giugno 24

E’ uno 0-0 divertente tra Juve Stabia e Taranto

Termina 0-0 la sfida di Castellamare tra Taranto e Juve Stabia che nonostante non abbiano trovato il gol, hanno dato vita ad una gara gradevole sotto il punto di vista dell’impegno e per la gran mole di gioco creata

Non riescono a superarsi Taranto e Juve Stabia nel corso della gara valevole per la ventisettesima giornata di Serie C girone C. I due mister, Pochesci e Capuano, sicuramente i più folcloristici e carismatici del campionato, hanno comunque dato vita ad una gara frizzante che non ha certamente annoiato il pubblico presente che ha assistito ad una gara molto equilibrata nella prima frazione e ad un secondo tempo di marca gialloblu con gli ospiti, che oltre a colpire un palo, hanno sfiorato il vantaggio in almeno tre nitide occasioni. Un punto per parte quindi che porta la striscia positiva del Taranto a due turni e regala alla nuova gestione tecnica delle “vespe” il primo punto dopo in tre gare disputate.

Capuano schiera il Taranto con il canonico 3-5-2 con Vannucchi tra i pali, Evangelisti, Antonini e Formiconi a comporre la linea difensiva, Ferrara e Mastromonaco sulle fasce, Romano, Crecco e Mazza nel settore nevralgico del campo e con Bifulco e Tommasini di punta. Rossoblu che scendono sul sintentico del “Romeo Menti” di Castellamare di Stabia con la terza maglia e pertanto indossando uno sgargiante completo giallo.

Parte bene la gara degli ionici che al terzo minuto conquistano il primo corner a favore. Sugli sviluppi dello stesso Formiconi però impatta male di testa e manda la palla in curva. Due minuti più tardi azione personale dell’ex Bifulco, fermato al limite dell’area da Cinaglia al momento del tiro. Al 26′ bella scorribanda sulla fascia destra di Mastromonaco che lascia sul posto due avversari e serve in mezzo a Bifulco una palla solo da spingere in porta. L’ex di turno è però poco reattivo e incespica quasi sul pallone mandandolo alto e sprecando così la più nitida delle palle gol. Poco dopo la mezz’ora pericolo per il Taranto su una punizione laterale calciata dalle vespe. Bravo Vannucchi a deviare in corner il pallone velenoso calciato da Manuel Ricci. Sul ribaltamento di fronte ci prova Mazza per il Taranto su calcio di punizione dai 20 metri ma la sua conclusione non inquadra lo specchio della porta difesa dal numero 1 di casa Barosi. Gara piacevole nonostante le poche occasioni importanti sotto rete. Al 38′ un cross di Scaccabarozzi semina il panico nell’area piccola degli ospiti ma Pandolfi e compagni non trovano per poco la deviazione fatale sotto misura. Dopo un giro di lancette completo è Cinaglia, in una rara proiezione offensiva, a provarci con un colpo di testa ravvicinato ma anche in questo caso la sua conclusione non impensierisce Vannucchi. Termina senza recupero una prima frazione di gara con poche emozioni ma comunque gradevole e divertente con le due compagini che stanno giocando, dopo una prima fase di studio, un calcio propositivo.


Riprende il match con lo stesso canovaccio del primo tempo. Subito Juve Stabia al tiro infatti con Ricci, che dopo due minuti di gioco, ci prova con un destro dal limite che però termina altissimo. Stessa sorte per un tiro simile di Pandolfi al 55′. Buon momento comunque per i padroni di casa che stanno man mano prendendo metri e campo a discapito di un Taranto che cerca di difendere e ripartire per tentare di alleggerire la pressione avversaria. Al minuto 59 primi avvicendamenti in casa ionica. Capuano inserisce Rossetti al posto di Tommasini e Labriola per Mazza. Dentro anche Alessandro Provenzano per l’ammonito Luca Crecco. Pronta la risposta di mister Pochesci che butta nella mischia l’ex Palermo Silipo al posto di Borraccino. Squillo del Taranto al 63′ proprio con Labriola che ci prova dal limite con una mediocre conclusione a rete facile preda del portiere campano. Immediata la risposta della Juve Stabia con Silipo che vede Ricci al limite, ma il sinistro di quest’ultimo non inquadra la porta. Al minuto 72 Bifulco esce dal campo per far spazio a Nocciolini. Da registrare al minuto 82 ancora una conclusione delle vespe stabiesi con Silipo direttamente da calcio di punizione con la sua conclusione dai 18 metri che lambisce la trasversale della porta difesa da Vannucchi. Ma è al 40 della ripresa che la Juve Stabia sfiora il vantaggio con una gran conclusione del neo entrato D’Agostino che dall’altezza del dischetto del rigore lascia partire una sassata a botta sicura che però non inquadra incredibilmente la porta ionica. Qualche secondo dopo cross in area gialloblu di Mastromonaco, pasticcio di Barosi che consegna di fatto la palla sui piedi di Labriola al limite dell’area. Il centrocampista ionico però non ne approfitta e calcia fuori con un debole pallonetto. Il finale è tutto dei padroni di casa. Al minuto 87′ indecisione di Vannucchi e Formiconi che offrono il pallone a Pandolfi che tutto solo a porta sguarnita colpisce, per fortuna dei rossoblu, il palo. Continua il forcing della Juve Stabia con Silipo che dal limite lascia partire una bordata tremenda di destro ben neutralizzata da Vannucchi proteso in volo sulla sua sinistra.

Termina dopo 4 minuti di overtime una gara divertente a cui è mancata solamente la gioia del gol da una parte e dall’altra, gol che per quanto mostrato soprattutto nella fase finale della gara forse i padroni di casa avrebbero meritato di trovare più del Taranto che comunque conquista senza recriminazioni un altro punto importante per la corsa salvezza.

JUVE STABIA – TARANTO

JUVE STABIA 433: Barosi; Maggioni, Cinaglia, Altobelli, Mignanelli; Scaccabarozzi, Bernardocco (67’ Maselli), Ricci (78’ Gerbo); Guarracino (61’ Silipo), Zigoni (78’ D’Agostino), Pandolfi. Panchina: Russo, Dell’Orfanello, Carbone, Bentivenga, Moreschini, Picardi, Vimercati, Peluso, Volpe, Rosa. All. Pochesci.

TARANTO 352: Vannucchi; Evangelisti, Antonini, Formiconi; Mastromonaco, Romano (90’ Citarella), Mazza (59’ Labriola), Crecco (59’ Provenzano), Ferrara; Bifulco (72’ Nocciolini), Tommasini (59’ Rossetti). Panchina: Loliva, Caputo, Manetta, Sciacca, Finocchi, Canalicchio, Boccadamo. All. Capuano.

ARBITRO: Giuseppe Collu di Cagliari. Assistenti: Riccardo Pintaudi di Pesaro e Ivan Cataldo di Frosinone. IV: Daniele Aronne di Roma 1.

AMMONITI: Crecco, Romano (T); Cinaglia, Mignanelli (JS)

NOTE: Angoli 5-3

Articoli Correlati