giovedì 23 Maggio 24

Ex Ilva, Emiliano: “Siamo in rivolta contro il management di Acciaierie d’Italia”

Il presidente della Regione Puglia sottoscrive la posizione espressa da sindacati e istituzioni locali a Roma: “Il management attuale del siderurgico tarantino è inadatto a gestire l’azienda, chiediamo allo Stato un riequilibrio della governance”

“Non possiamo che essere accanto ai lavoratori dell’ex Ilva di Taranto e alle istituzioni locali, che oggi sono qui per farsi ascoltare dal Governo, che da anni ci trascina in situazioni penose per i lavoratori e per chi ha subito lutti a causa dei reati contro la salute commessi”.

Queste le prime parole del presidente della regione Puglia, Michele Emiliano, intervenuto in seguito alla manifestazione avvenuta oggi a Roma contro il decreto legge sull’ex Ilva approvato lo scorso 28 dicembre dal Consiglio dei ministri.

I lavoratori sono sottoposti a pressioni indebite, il Governo deve fornire subito una soluzione – continua il governatore pugliese – C’è in atto una rivolta contro il management di Acciaierie d’Italia, che viene considerato da tutto il panorama istituzionale e sindacale come inadatto alla gestione della fabbrica: non riesce a far rientrare chi è in cassa integrazione, non riesce a far quadrare il bilancio, ha bisogno continuamente di risorse pubbliche ingenti. Lo Stato deve individuare un management generale più condiviso, che ci consenta un rapporto finalmente leale e corretto.”.

Per Emiliano la posizione appena espressa è condivisa da Regione, Comune, Provincia e sindacati.

Ho sempre avuto un buon rapporto col ministro Urso – conclude il presidente della Regione Puglia – ha tutta la mia comprensione. E’ assurdo che nonostante tanti governi, tanti lutti e vicissitudini non si riesca ancora a trovare una soluzione definitiva per questo impianto definito strategico a livello nazionale”.

Articoli Correlati

Ex Ilva, Marescotti: “Una grande sorpresa nel decreto legge”

PeaceLink rivela che si nasconde un finanziamento milionario per lo stabilimento siderurgico “Il decreto legge 15.5.2024 n.63 sembra dedicare le sue attenzioni ai kiwi (articolo...