mercoledì 24 Aprile 24

Ex Ilva, Sperti (Uilm): ”Cambiare subito assetto societario, poi piano industriale”

Il segretario generale Uilm Taranto, Davide Sperti, intervenendo ai microfoni di CosmoPolisMedia, ha raccontato i punti salienti della manifestazione di dissenso verso il decreto legge ex Ilva che si è svolta oggi a Roma e le richieste prioritarie delle parti

Siamo partiti dalla radice del problema: bisogna cambiare la gestione societaria altrimenti non ci sarà alcun indirizzo sanitario, ambientale e occupazionale nè per la fabbrica nè per la comunità. Al momento nell’ex Ilva l’unica certezza è di vivere con salari da fame”.

Queste le prime dichiarazioni che Davide Sperti, segretario generale Uilm Taranto, ha rilasciato nel pomeriggio di oggi, 11 gennaio, a CosmoPolisMedia.

Nella giornata di oggi Uilm, Fiom Cgil e Usb hanno manifestato a Roma il proprio dissenso nei confronti del decreto legge sull’ex Ilva, approvato dal Consiglio dei ministri lo scorso 28 dicembre; presenti accanto alle sigle sindacali anche il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci e gli altri sindaci della Provincia ionica, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.

Le parti hanno incontrato la Commissione Ambiente della Camera dei deputati, consegnando i risultati del referendum promosso dalle sigle sindacali tra più di seimila lavoratori tra Acciaierie d’Italia, aziende dell’indotto e Ilva in a.s., cassaintegrati compresi.

Ai lavoratori abbiamo chiesto se fossero d’accordo – dichiara Sperti – che i finanziamenti pubblici siano subordinati, come promesso dal ministro Urso lo scorso 17 novembre, al riassetto della governance aziendale, con l’ingresso dello Stato in maggioranza. I risultati sono stati schiaccianti: il 98,85% ha risposto affermativamente”.

Il riassetto societario è un requisito minimo richiesto da sindacati, che avrebbero preferito la nazionalizzazione, ovvero di requisire lo stabilimento siderurgico ad Arcelor Mittal per “inadempienza contrattuale sotto il profilo produttivo e occupazionale“.

“I lavoratori dell’appalto sono usati come scudo umano per ricattare il Governo – specifica Sperti – il risultato del referendum era scontato perchè la situazione attuale è devastante. Cambiare l’assetto societario è il primo passo, poi serve urgentemente un piano industriale, che anche grazie agli orrori politici industriali è ancora mancante: se si vuole attuare una riconversione ecologica bisogna parlarne seriamente con tutti gli attori coinvolti, basta con gli slogan”.

Un ultimo commento su Ugl Metalmeccanici e Fim Cisl, che hanno preferito attendere l’incontro del 19 gennaio e dissociarsi dalla manifestazione di oggi: “Dopo l’incontro del 17 novembre i sindacati (Fim, Fiom e Uilm) hanno concordato un documento in cui tutti rivendicavamo la nazionalizzazione o come minimo il riassetto societario, la rinegoziazione della cassa integrazione straordinaria e il ritiro della sospensione dei contratti con l’appalto. Il 21 novembre abbiamo ripetuto le rivendicazioni con il sindaco Melucci. Ad un mese di distanza quelle rivendicazioni non hanno trovato ancora risposta: la Fim non ha partecipato al consiglio di fabbrica e alle assemblee. Il sindacato, nella mia visione, ha il dovere di condizionare con le sue azioni le scelte governative, non ha senso aspettare un incontro in cui è già stato tutto deciso”.

Articoli Correlati

Ex TCT, aperto tavolo permanente al Mit

“Il Ministero sta verificando eventuali residui delle somme impegnate per poter garantire il traghettamento all'approvazione della proroga” “Nell'incontro pomeridiano al Ministero delle Infrastrutture e dei...