lunedì 26 Febbraio 24

Taranto, il Questore accoglie il nuovo dirigente della Polizia di Stato

In servizio presso la Questura del capoluogo ionico anche tre nuovi vice ispettori

Questa mattina, il Questore di Taranto Massimo Gambino ha accolto il Primo Dirigente della Polizia di Stato, dott. Maurizio Scialpi, che andrà a dirigere la Divisione Polizia Amministrativa e di Sicurezza della Questura di Taranto.

La carriera del Dott. Scialpi ha inizio nel 1990 quando viene assegnato, con il grado di Vice Commissario, alla Questura di Ragusa al timone dell’Ufficio Immigrazione.

Dal 1991 al 1994, trasferito presso la Questura di Rovigo, ha ricoperto l’incarico di Dirigente dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico e successivamente quello di Vice Capo di Gabinetto ed infine Dirigente della Squadra Mobile.

In seguito, è approdato alla Questura di Taranto, rimanendovi fino al 2013, ove ha ricoperto dapprima l’incarico di Dirigente dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, della Sezione Falchi della Squadra Mobile ed, infine, quello di Dirigente della D.I.G.O.S.

I tre nuovi vice ispettori

Con la promozione a Vice Questore, il Dott. Scialpi è stato trasferito presso la sede della Presidenza del Consiglio dei Ministri-Ispettorato Palazzo Chigi, ove è stato il Responsabile, per due anni, degli Affari Generali e della Sicurezza delle Sedi Istituzionali dell’Ispettorato.

Dopodiché, ritorna alla Questura di Taranto come reggente della Divisione di Gabinetto ed in seguito, dopo aver conseguito il grado di Primo Dirigente, viene nominato Capo di Gabinetto.

Il Dott. Scialpi ha trascorso gli ultimi anni alla Questura di Matera come Dirigente della Divisione Polizia Anticrimine, prima di far nuovamente rientro a Taranto.

Contestualmente hanno preso servizio alla Questura di Taranto anche tre nuovi Vice Ispettori: due sono stati assegnati all’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico ed uno in forza al Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica.

Articoli Correlati

Ex Ilva, Peacelink scrive al Ministro Urso. “Chiediamo coraggio per avviare la riconversione”

“Nessuna ragione storica, industriale ed etica giustifica la decisione di tenere in funzionamento questo impianto industriale”. Riportiamo integralmente la nota “All'attenzione del ministro Urso e...