martedì 27 Febbraio 24

Taranto, picchiano e tentano di truffare extra-comunitario: arrestati madre e figlio

I due avevano sottratto all’uomo il cellulare senza pagare la somma pattuita e lo avevano poi malmenato e colpito con un fendente ad una mano

Arrestati a Taranto, nella serata di ieri, un uomo ed una donna – madre e figlio – accusati di rapina impropria ai danni di un cittadino extracomunitario.

I poliziotti della Squadra Volante, intervenuti a seguito della segnalazione giunta alla Sala Operativa della Questura 113 di una rissa in strada, hanno notato un giovane extracomunitario che presentava una ferita alla mano destra ed un’evidente tumefazione al volto, insieme ad un gruppo di 4 persone che, alla loro vista, si è dato a precipitosa fuga.

Mentre una pattuglia prestava i primi soccorsi al ferito, l’altra ha inseguito a piedi i fuggitivi, riuscendo a bloccarne due, risultati poi essere madre e figlio.

Il giovane gambiano ha raccontato ai poliziotti di aver incontrato la donna, insieme al figlio ed altre due persone, affinché facesse da intermediaria per la vendita del suo cellulare, pattuendo la somma di 150 euro come prezzo di vendita e di 50 euro alla stessa come compenso per l’intermediazione.

Secondo quanto ricostruito, il ragazzo, dopo aver affidato al gruppo il suo cellulare, sospettando che potesse trattarsi di una truffa, avrebbe deciso di seguirli per strada. All’improvviso, sarebbe stato bloccato dalla donna e dal figlio per essere poi colpito più volte e raggiunto da un fendente alla mano. Solo l’intervento delle forze dell’ordine ha scongiurato il peggio.


Articoli Correlati

Giochi, Crosetto: “Grande occasione per Taranto e la Puglia”

Il ministro della Difesa ha garantito al commissario straordinario dei Giochi, Massimo Ferrarese, massima disponibilità per l'organizzazione dell'evento Il commissario straordinario e presidente del...